RESINA ARTISTICA: l’arte di creare gioielli con la resina

Gobbetto - Pavimenti e rivestimenti in resina / Articles  / RESINA ARTISTICA: l’arte di creare gioielli con la resina

RESINA ARTISTICA: l’arte di creare gioielli con la resina

La resina epossidica è un prodotto liquido che solidifica se miscelato ad un agente indurente ed

esposto a determinate temperature.

 

La sua estrema versatilità permette a questo prodotto di essere utilizzato non solo nel mondo

industriale, ma anche nel settore del fai da te e in quello artigianale, nella moda e nel campo

artistico; proprio in riferimento a quest’ultimo si parla di resina artistica.

 

Cos’è la RESINA ARTISTICA?

La resina epossidica è definita artistica quando viene impiegata per creare oggetti d’arte, design o accessori di moda.

Questa applicazione della resina, prima dell’Europa, si è notevolmente diffusa in altri paesi e

continenti, come l’Australia, il Canada e gli Stati Uniti. In Internet è possibile trovare numerosi siti

dove acquistare creazioni artigianali uniche prodotte in tutto il mondo.

 

 Perché usare la resina per i gioielli?

Perché la resina è una materia che offre lucentezza, protegge il prodotto dai raggi UV, ma

soprattutto permette di creare accessori irripetibili e adatti per ogni occasione.

La resina, infatti, è una materia che si presta particolarmente bene per ricoprire piccoli oggetti,

come fiori seccati, pietre o perle, e mantenerli stabili.

 

 Quali oggetti possono essere stabilizzati nella resina?

Si possono utilizzare tutti i tipi di oggetti, anche se è più facile lavorare con elementi solidi,

compatti e non particolarmente pesanti.

Quest’ultimi, infatti, per poter essere stabilizzati, devono essere colati tra i singoli strati di resina

perché rischiano di affondare rapidamente.

Quelli leggeri, invece, vanno inseriti nella resina ancora liquida e bisogna attendere 24 ore per

asciugare.

Materiali fragili, come lo sono ad esempio i fiori secchi, vanno posizionati con attenzione su uno

strato di resina ancora umido e richiedono una lavorazione estremamente accurata per evitare

grumi antiestetici.

 

Una volta terminato il gioiello, spigoli vivi ed imperfezioni possono essere rimossi con carta vetrata

a grana fine; per ottenere un effetto cristallino e brillante si usa, invece, basta una pasta lucidante

e un panno morbido.

 

L’azienda Gobbetto è molto sensibile al mondo dell’arte; per questo motivo

ha sponsorizzato la mostra “COSTUMI, MODA, IMMAGINE” nel 2016 al Palazzo Morando con la

speciale collaborazione dell’artista Gaetano Pesce e del critico d’arte Vittorio Sgarbi e Stefano Morelli.

Qui è possibile vedere attraverso bozzetti e realizzazioni scultoree come la resina può essere

impiegata per abbellire e arricchire il corpo della donna.

Così afferma Pesce: “I gioielli sono il risultato di una serie di esperimenti che conducono nel

tempo libero. Sono decorazioni per il corpo, e non hanno altra funzione che questa, ma credo

esprimano efficacemente la capacità dei materiali di oggi di essere manipolati ( meglio di quelli

tradizionali) con semplicità”.

 

Alessandro sancassani